Arancetto molotov

Cosa ci fai con uno, due, tre ceste di arance appena colte?

Le regali alla mamma, all’amica, alla vicina, al parcheggiatore abusivo (che le rifiuta!) ma ne restano ancora decine e decine.

Poichè a me la marmellata di arance non piace, l’unica possibilità è fare l’arancetto.

Ora, vi starete chiedendo perchè molotov…

Nulla a che vedere con la gradazione alcolica, nè con le mie, ormai dormienti, tendenze rivoluzionarie.  O forse sì. Molotov è tutto quello che è inusuale, boardeline. Come il calcio molotov dei miei amici futbologi.

Cosa ha di molotov il mio arancetto? Nulla, tranne il fatto che di solito era compito del mio compagno, mentre quest anno mi sono riappropriata dello spazio della cucina, ho comprato 2,5 litri di alcool e senza paura, armata di pela patate, ho iniziato a produrre.

CX0J3oVWMAE9U8W.jpg large

Non a tutti i barattoli ho messo la data, non ricordo in quali ho messo i chiodi di garofano e ho chiesto 100 volte al fidanzato quanta acqua dovevo metterci, ma alla fine tutto procede.

Ingredienti

1 lt di alcool 95% (io ho usato 2 bottiglie da mezzo litro, utili dopo per travasare)
13 arance, solo la buccia
1 stecca di cannella (facoltativo)
2-3 chiodi di garofano (facoltativo)1,5lt di acqua
500 (o 600) g di zucchero

L’arancetto, come qualsiasi liquore fatto in casa è una processo cosa lento.

Fase 1. Alcolica.
Pelare le arance facendo attenzione a non prendere la parte bianca. Io ho usato un fantastico pelapatate da dito (pensieri sconci allowed).

Ho messo le bucce in due grandi barattoli per conserve. In uno ho aggiunto una stecca di cannella e 3-4 chiodi di garofano (che avevo preso in Turchia e che custodisco gelosamente) e nell’altro solo la cannella.

Chiuso tutto e messo nell’armadio.

Fase 2. Zuccherosa

E’ conveniente indicare la data su ciascun barattolo in modo da ricordarsi esattamente quando è passato un mese dalla Fase 1.

Prendetevi una giornata comoda. In tarda mattinata fate sciogliere a fuoco lento lo zucchero con l’acqua. Girate ogni tanto, deve arrivare a sobbollire leggermente e sorprattutto lo zucchero deve sciogliersi perfettamente (la prima volta ci ho messo un’ora, la seconda ho arronzato e ci ho messo la metà).

Mettere l’acqua a raffreddare nella pentola coperta da uno strofinaccio. Quando è raffreddata, dopo molte ore, filtrate in altri contenitori ermetico l’alcool con le bucce di arancia macerate, buttate le bucce.

Versate ora l’acqua (calcolate metà, in ciascun dei contenitori). Si creerà un magico e profumatissimo liquido arancione brillante. Non agitate, non mescolate. Chiudete etichettate con la data e chiudete.

Fase 3. Paziente
Tra 20-30 giorni giorni l’arancetto sarà pronto.

A me mancano pochi giorni, ho chiesto alla mia amica di disegnarmi un’etichetta. Speriamo non si dimentichi 😉

Fase 4. Generosa
Travasate l’arancetto in bottiglie di vetro sterilizzate con acqua bollente e aciugate. Tappate ermeticamente.

Regalate l’arancetto, non siate egoisti!

[foto a venire]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...